Creare un Business Plan per Opzioni Binarie – Parte 2

0

Parte 1Parte 2Parte 3Parte 4

Risorse necessarie per iniziare il trading di opzioni binarie

Per fortuna, avviare un business nel settore del trading di opzioni binarie richiede attrezzature abbastanza semplici. Avrai bisogno di un computer desktop o portatile e/o di un dispositivo mobile oltre, naturalmente, ad una connessione internet affidabile e veloce. E’ consigliabile non fare trading usando esclusivamente un dispositivo mobile, un computer desktop o portatile offre una migliore operatività, per esempio permettono di usare 2 o più monitor per controllare diverse situazioni contemporaneamente.

Naturalmente per fare trading dovrai disporre di una certa quantità di tempo ma non tanto quanto si potrebbe pensare e potrai riuscirci anche se hai già un lavoro a tempo pieno. Hai poi bisogno di un capitale e di un broker affidabile attraverso il quale poterlo investire. Infine devi possedere un adeguato livello di preparazione specifica nel settore.

Capitale che posso permettermi di investire nelle opzioni binarie

Le risorse da investire rappresentano sempre l’elemento fondamentale da considerare quando si avvia una nuova attività, e il trading non fa eccezione. Inizia ad analizzare attentamente quelle che sono le tue entrate mensili e i risparmi, poi stabilisci una somma che puoi permetterti di investire in modo responsabile, ed ogni mese depositala mese sul tuo conto di trading. Naturalmente tutto ciò non deve interferire in nessun modo con il resto della tua vita finanziaria.

Capitale minimo per iniziare a fare trading professionale

Anche se molti broker si pubblicizzano affermando che anche con 100€ si può diventare ricchi con le opzioni binarie, sai bene che questo può anche essere vero ma c’è da chidersi: in quanto tempo? La realtà è che un deposito di 100€ non è sufficiente per fare trading secondo un piano di gestione del denaro responsabile per diversi motivi: uno è che, se la somma minima per operazione prevista dal broker fosse di 10€ e il tuo trade non deve superare il 5% del capitale (come la famosa regola ci insegna) sarai nell’impossibilità di operare in quanto il 5% di 100€= 5€ ossia la metà del necessario per operare.

Inoltre, anche se riuscissi a trovare una piattaforma che accettasse 5€ per trade, la lentezza del tuo business sarebbe disarmante e occorrerebbero decine di anni per realizzare un profitto interessante. Pertanto possiamo affermare che la somma minima da investire dovrebbe essere compresa tra 1000 e 2000 euro.

Altro aspetto da considerare sono i risultati minimi che ti prefiggi di raggiungere in termini di trade conclusi positivamente ogni mese e rapporto vincite / perdite. Qualunque siano i valori che imposterai a questo riguardo, ti consigliamo di essere molto cauto nello stabilirli, considerando che saranno comunque oggetto di aggiustamenti continui nel corso del tempo. In questa fase è importante stabilire aspettative realistiche e raggiungibili.

Gestione delle entrate

In questa fase del plan ci si orienta verso un modello di pricing, ma non preoccuparti, è molto più semplice di quello che tu possa immaginare. Se hai deciso di operare in proprio, il tuo reddito dipenderà esclusivamente dal tuo capitale mentre se hai programmato di metterti a capo di un gruppo dovrai stabilire le modalità di spartizione dei profitti e decidere sia l’entità della percentuale da trattenere come commissione sia il momento in cui la potrai incassare: questo richiederà la stesura di un business plan molto più completo.

Parte 1Parte 2Parte 3Parte 4

Condividi

Lascia un Commento