La storia delle opzioni binarie

0

Molto spesso, alla ricerca dei nostri primi guadagni online di un certo importo, veniamo a conoscenza delle diverse possibilità offerte nel trading delle opzioni binarie. Naturalmente, prima di avventurarci in un mercato così complesso e diversificato per possibilità di investimento, è necessario acquisire un minimo background di questa opportunità nata recentemente e sviluppatasi in relativa velocità, per via dei profitti che sa portare a chi ne conosce in profondità i movimenti e le ragioni.

Approdate online solo da pochi anni, nonostante una lunga storia di regolamentazioni, le opzioni binarie affondano le proprie radici nei lontani anni Settanta, periodo in cui l’ente Chicago Board Of Trade presentò per primo una piattaforma in cui svolgere i primi scambi regolamentati da primi abbozzi di norme utilizzate tuttora nelle operazioni. L’iniziale entusiasmo però svanì in seguito alla diffidenza degli investitori del tempo, che non riuscirono a vederne le possibilità con lungimiranza.

Le opzioni binarie non ebbero quindi il successo meritato fino alla seconda metà degli anni Duemila, in particolar modo nel 2008, anno della svolta definitiva. Questo fu infatti il periodo in cui la Securities & Exchange Commission statunitense decise di regolamentare il settore, che finora era stato basato su regole considerate come confuse ed elusive. Dunque nacquero e furono applicate regole proprie che permisero finalmente di considerare quel settore come vera e propria attività di trading. Grazie alla crescita contemporanea delle prime piattaforme di scambio ed opportunità di guadagno online, il mercato delle opzioni binarie riusciva così a compiere i suoi primi significativi passi verso la forma attuale.

L’idea del profitto slegato dal possesso materiale del titolo inizia inoltre a diffondersi proprio in questi anni, la combinazione di questi eventi ha permesso alle opzioni binarie di emergere come strumento diffuso ed apprezzato a livello mondiale, ed ovviamente anche in Italia. Il loro successo è dovuto anche ad una generale semplificazione rispetto alle dinamiche delle opzioni di tipo tradizionale, fino a quel momento utilizzate al fine di proteggere i propri portafogli diversificati di investimento dai possibili crolli rapidi del mercato. Le opzioni binarie consentono all’investitore di concentrarsi su pochi dettagli di riguardo, evitando all’utente una più grande complessità gestionale.

Le opzioni binarie acquisirono così sempre maggior credibilità nell’ambito dei servizi di TOL (ovvero Trading On Line), ed in tutta la compravendita, tramite piattaforme di tipo informatico, di strumenti finanziari. Anche in Italia questo settore ha avuto regolamentazione recente rispetto al tempo della sua creazione, nonostante nel 1995 fosse stata creata la prima vera società di trading online, che ricorderemo essere la Directa Sim.

L’anno più saliente per il trading di opzioni rimane comunque il 1999, anno nel quale la Consob per prima mise su carta il nuovo “Regolamento di attivazione del Testo Unico dei mercati finanziari“. Tale documento prevede la presenza di numerosi strumenti, quali obbligazioni ed azioni, tutti accessibili grazie allo sviluppo successivo dell’home banking offerto dai comuni istituti di credito, che spesso e volentieri sono lieti di offrire strumenti per operare online da casa all’utente interessato negli investimenti a medio e lungo termine.

La consapevolezza relativa alla quantità di denaro che sarà possibile ottenere con le proprie opzioni, così come le eventuali perdite, costituisce inoltre un vantaggio interessante rispetto ad altri strumenti speculativi. La popolarità ha permesso inoltre l’affermazione di specifiche figure professionali, tra cui quella del broker, così come di svariati enti di qualità, sicurezza e controllo generale che sovrintendono ai mercati internazionali. Il know-how medio dei trader è andato naturalmente crescendo di pari passo con le future aggiunte ai regolamenti e la presenza di strumenti sempre più utilizzati dai guru del campo.

Se volessimo azzardare un ipotetico futuro delle opzioni binarie, potremmo certamente affermare che si prevede un mercato con la presenza di molti più concorrenti e protagonisti, ed è ovvio che – come avviene in ogni tipo di concorrenza – verranno probabilmente aggiunte nuove regole al fine di rendere equo per tutti il trading. Rimane comunque una realtà che con il talento si può arrivare a raddoppiare la propria posta in gioco in brevissimo tempo e tale fattore continua e di certo continuerà ad allettare tanti nuovi utenti nel mondo delle opzioni binarie.

Condividi

Lascia un Commento