Differenze tra opzioni binarie e forex

0

Tra gli strumenti economici a nostra disposizione qualora decidessimo di arrotondare le nostre entrate troviamo due interessanti opportunità di cui spesso sentiamo parlare e cioè le opzioni binarie ed il Forex.

Sia che la vostra situazione sia quella di completi neofiti del campo degli investimenti, oppure di appassionati o esperti speculatori e trader, in questo articolo vi forniremo una serie di informazioni riguardanti le principali differenze tra le opzioni binarie ed il Forex (termine che significa Foreign Exchange, o “scambio estero”), tirando infine le somme sulla maggior convenienza dell’uno o dell’altro metodo a seconda della propria situazione personale.

Iniziamo con il notare una differenza fondamentale tra i due strumenti: il Mercato del Forex può diventare una fonte di liquidità notevole, purché si abbia costanza e desiderio di acquisire l’esperienza necessaria ad evitare le perdite, non poi così infrequenti. Diremo che il Forex tratta principalmente di accoppiamenti di valute, che possono essere rappresentate con le loro codifiche a livello internazionale, ad esempio EUR/GBP, EUR/USD, GBP/USD, GBP/JPY, con le quali vengono indicate rispettivamente i rapporti tra Euro/Sterlina Inglese, Euro/Dollaro Statunitense, Sterlina Inglese/Dollaro statunitense e Sterlina Inglese/Yen giapponese.

Le opzioni binarie, a differenza degli strumenti forex, possono considerare, oltre alla classica valuta, anche valori in termini di azioni o addirittura materie prime. Iniziamo quindi con il ritrovare un maggior grado di completezza relativamente alle opzioni binarie rispetto al forex, che tuttavia non le mette al riparo da eventuali rischi, come si potrebbe essere facilmente indotti a pensare.

Tra i due sistemi di investimento troviamo una seconda differenza nella quantità dei capitali da investire per effettuare un’operazione soddisfacente. In ambito forex, per ottenere capitali elevati, si rende necessario movimentare delle somme di denaro piuttosto cospicue per un piccolo investitore (che si aggirano sui diecimila Euro) poiché sono le fluttuazioni di valuta in grado di determinare l’assetto e l’entità del nostro guadagno. E’ chiaro, a questo punto, che non tutti i piccoli investitori possano avere a disposizione cifre simili, perciò ultimamente si fa ricorso ad uno strumento concepito dai broker intermediari che offrono la disponibilità di capitali non propri per effettuare investimenti che possano rendere somme interessanti, nonostante l’assenza del nostro statuto di proprietari.

Si capisce quindi che il fenomeno del prestito va equamente gestito poiché potrebbe generare conseguenze spiacevoli qualora l’effetto “leva”, procurato dal prestito, si risolvesse in una perdita, moltiplicandone gli effetti.

Questo è un punto di analisi che il forex condivide con le nostre opzioni binarie: le perdite possono essere ingenti ed accumularsi nel caso in cui non si investisse con la giusta perizia, tuttavia va detto che le opzioni binarie consentono di avviare il trading investendo somme di entità più modeste: potrebbero essere sufficienti anche poche centinaia di Euro per lanciarsi con successo in questo mondo.

Va inoltre considerato che nelle opzioni binarie può essere prevista la figura di un broker in grado di rimborsarci una piccola percentuale del capitale perduto (solitamente, si aggira sul 15% circa). Il mercato forex non contempla tutto ciò, una figura di rimborso non è prevista ed in caso di perdita, questa è in grado di poter annullare il nostro capitale a disposizione.

Il rischio potrebbe inoltre moltiplicarsi qualora non conoscessimo bene le valute contemplate nello scambio; tuttavia è possibile rilevare un punto a favore del forex rispetto alle opzioni binarie se consideriamo la maggiore libertà del primo nell’aprire un proprio “contratto”, una volta constatata la presenza di fondi sul conto.

Le opzioni binarie sono relativamente ristrette in ciò, in quanto prevedono delle scadenze stabilite già a priori, nonostante vi possano essere alcuni strappi alla regola (la cosìdetta funzione Rollover offerta da alcuni broker), che richiedono però maggiore conoscenza in merito alla convenienza della mossa.

Abbiamo dunque visto in sintesi i principali punti di differenza dal punto di vista del guadagno e del rischio tra due degli strumenti di negoziazione più attualmente in voga, opzioni binarie e forex. Naturalmente le modalità di trading andranno sempre scelte dopo la valutazione della piattaforma di trading, per evitare spiacevoli perdite e sorprese inattese.

Condividi

Lascia un Commento